arte contemporanea

GALLERIA ONLINE DI ARTE CONTEMPORANEA

Uno spazio culturale gratuito dove ammirare opere di vario genere. Passate a trovarci presto.


L’archeorealismo di Evan De Vilde



Possiamo definire Evan De Vilde, fondatore dell'archeorealismo formale, come artista del contemporaneo che ha ideato un nuovo interessantearte contemporanea linguaggio d'arte moderna, capace di mettere in relazione e dialogo tra loro antichi reperti di archeologia con oggetti comuni e diffusi nella nostra contemporaneità. Questo dialogo ha permesso all'artista di esprimersi su molti livelli di linguaggio parlando della globalizzazione e della memoria storica, dando vita ad originali installazioni che ci pongono dinanzi ad importanti interrogativi sul nostro passato, il nostro futuro e la contemporaneità globalizzata che stiamo vivendo o, nostro malgrado, subendo. Queste sono riflessioni che spesso trovano poco spazio nell’arte contemporanea, ma che nell’archeorealismo divengono invece il punto centrale.

Alla base di questo nuovo movimento artistico, c’è un percorso di linguaggi innovativo e profondo nella sua semplicità e dirompente nella sua rivoluzionaria espressione concettuale. Il tutto si basa su un solido apparato linguistico, capace di dare forma ad una poetica originale e complessa che difficilmente passa con le parole di testo, ma che spesso l'arte riesce a veicolare meglio in quei concetti troppo complessi.

Le opere dell’archeorealismo divengono un efficace specchio della società, del nostro tempo e delle sue contraddizioni; Evan De Vilde racconta, attraverso queste opere intense e concettuali, la nostra società in modo estremamente schietto ed estremamente efficace.

 

Opere di Evan De Vilde sono in mostra permanente presso il museo archeologico virtuale Daphne Museum.

.

Questi strumenti e contenuti museali, oggi, oltre ad entrare nelle nostre case per mezzo di computer, smartphone e tv, possono servire come efficace supporto per una visita reale a siti archeologici o ad altre strutture museali tradizionali.

I musei archeologici e l’arte contemporanea divengono così due realtà che possono interagire in modi nuovi e sorprendenti, arricchendosi vicendevolmente e comunicando nuovi importanti messaggi proprio grazie alla loro enorme diversità, ma in fondo l'arte ha saputo farci comprendere che non sono poi così diversi.